Il mercante di seta

Il mercante di seta

Gli amori proibiti sono sempre i più affascinanti «Che delizia "Il mercante di seta". Sono rimasta incantata da questo romanzo e l'ho divorato in due giorni senza potermene staccare dall'inizio alla fine. I personaggi brillano e Anna è un trionfo assoluto. Un libro favoloso» – Dinah Jefferies Inghilterra, 1760.

Anna Butterfield arriva a Londra per trascorrere qualche mese dalla zia.

Ma per lei, che è orfana di madre e ha sempre vissuto in una tranquilla casa di campagna, la metropoli è fin troppo grande e caotica. In più gli zii sono rigidi e le impongono abitudini consone al loro status sociale. Un giorno Anna, dopo essere uscita di nascosto di casa, si ferma presso un negozio di fiori e comincia a dipingere ciò che vede. In modo del tutto casuale quel disegno finisce tra le mani di Henri, un tessitore di seta di origini francesi, giunto nella capitale in cerca di fortuna. È l'inizio di un idillio artistico: Henri, colpito dalla bellezza delle opere di Anna, decide di utilizzarle per le sue nuove creazioni. Eppure il destino di Anna è un altro, lontano dal mondo bizzarro e tormentato dell'arte. Lo zio, infatti, vuole sistemarla facendole sposare un giovane e ricco avvocato.

Anna e Henri dovranno lottare per difendere il loro amore clandestino e le loro aspirazioni.