Eternità. Oristano: l'incubo dell'amianto

Eternità. Oristano: l'incubo dell'amianto

Siamo in Sardegna, a Oristano. Qui, a cavallo tra gli anni sessanta e settanta, nasce un nuovo impianto industriale, la Sardit, che tratta l'amianto, proprio mentre a Casale Monferrato e in altri stabilimenti della penisola si moltiplicano i casi di asbestosi tra i lavoratori e si verificano le prime morti sospette o direttamente correlate all'esposizione alla pericolosa fibra. Giampaolo Lilliu, il giovane protagonista di questa vi cenda, dopo avere a lungo sognato il lavoro in fabbrica viene a conoscenza della conclamata nocività dei materiali prodotti alla Sardit e ne diviene l'anima critica. Sposa la causa sindacale e diventa il punto di riferimento di una lunga e difficile battaglia condotta all'interno della sua fabbrica, combattendo contro l'iniziale diffidenza degli stessi colleghi di lavoro e superando complesse difficoltà. Dopo la chiusura dello stabilimento, Lilliu, attuale segretario generale della Camera del lavoro di Oristano, costituisce il Coordinamento amianto della Cgil, impegnandosi con passione nella nuova battaglia per ottenere maggiori tutele sanitarie per gli ex esposti, denunciando la presenza dell'amianto in numerose discariche abusive, sollecitandone la bonifica e chiedendo interventi per la riconversione di edifici pubblici costruiti con il pericoloso materiale. Prefazione di Guglielmo Epifani. Postfazione di Onorio Rosati.